LazioViaggi

Viaggio nel reatino in off road verso Amatrice

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=0IPUXly-V-k[/youtube]

Report di un viaggio nel reatino zona Amatrice con Ave4x4: un weekend immersi nel suggestivo scenario dell’appennino centrale, in un angolo di paradiso a confine tra quattro regioni, delimitato a nord dal Parco dei monti Sibillini e a sud dalla catena dei Monti della Laga.
IL PERCORSO – Costantemente circondati da vette che sfiorano i 2500 mt slm, lungo sentieri, vecchi tratturi, mulattiere ed ampie vallate, cercando di compiere un itinerario ad anello che ci regalerà la possibilità di ammirare suggestivi scenari in alta quota, così come di attraversare cime innevate, fangaie, sottoboschi, e corsi d’acqua da guadare.
In questa edizione di dicembre, svoltasi in occasione del ponte dell’Immacolata, era previsto l’arrivo facoltativo dei partecipanti già dal Sabato pomeriggio e la sistemazione presso l’antico borgo di Conche sul Lago Scandarello. Aperitivo di benvenuto, cena e pernotto nel vecchio casale ristrutturato proprio sulle sponde del Lago.
Domenica 7 dicembre sveglia presto, colazione e accendiamo i motori…
Ore 9:30 appuntamento con chi non ha potuto raggiungerci la sera precedente. Una giornata ricca di emozioni ed interamente dedicata alla guida offroad, durante la quale è stato possibile testare le capacità e quelle dei nostri fuoristrada. Un percorso impegnativo, suggestivo e tecnico, capace di stimolare i piloti più smaliziati (impegnati in una serie di varianti hard) e di incuriosire coloro che desideravano scoprire le meraviglie paesaggistiche di una natura ancora incontaminata.
Rientro al casale sul lago Scandarello per le ore 17:00, un po’ di relax, una doccia calda e tutti a cena in un ottimo ristorante nella città di Amatrice.
Lunedì 8 dicembre, Ore 8:30 colazione al casale e di nuovo in marcia.

Cambiamo scenario e iniziamo la nostra salita in quota. Le prime nevi dell’anno tra ampie vallate panoramiche fino al raggiungimento dell’ambito punto di valico, sul Monte Cerasola, dal quale si ammira l’imponenza delle vette dei Monti della Laga, le cime del Gran Sasso e il massiccio del Vettore.
Circondati da vette alte 2500 mt, in un panorama mozzafiato, ci siamo trovati esattamente sulla linea di confine tra Lazio ed Umbria, in un angolo vergine, ancora custode dei vecchi cippi di confine tra Stato Pontificio e Regno delle Due Sicilie.
Da lì, in base alle condizioni del terreno imboccata la via migliore per raggiungere Norcia o Forca Canapine.
Visita a Castelluccio di Norcia ed pranzo di domenica  in un ristorante tipico nell’antico borgo…

[mappress mapid=”815″]

Related Articles

Lascia un commento

Back to top button
Close
Close