C.I. Cross C. RallyEventiMitsubishiModelliNewsRacing

Vittoria T2 alla Baja Espana-Aragon per RalliArt Off Road Italy

RalliArt Off Road Italy sfodera la classe e la tenacia di un matador e conquista la Spagna con la vittoria T2 dell’equipaggio formato da Rómulo Branco e João Serôdio, che continuano la loro ascesa verso la vetta della classifica Mondiale, riducendo a soli 3 punti il distacco da Baranenko, attualmente al comando. Con il Mitsubishi Pajero T2, il duo RalliArt ha infatti dominato la Baja Espana-Aragon dall’inizio alla fine, rimanendo saldo in 1° posizione dal prologo all’ultimo settore selettivo, dimostrando velocità e bravura del pilota e del navigatore, ma anche potenza e affidabilità della vettura della squadra italiana. Al traguardo, domenica 21 luglio a Teruel, i portoghesi hanno ottenuto la 12° posizione assoluta su 60 vetture partecipanti, a soli 7 secondi dalla Mini X-Raid di Schott, nonostante una foratura negli ultimi chilometri gli avesse fatto perdere minuti preziosi. “Sono molto contento, questa è una vittoria importante per il nostro progetto ed ha un grande significato – ha affermato Romulo Branco Tutto è andato bene e siamo stati in grado di vincere anche se abbiamo bucato nell’ultimo tratto di gara. Ringrazio il team e il mio navigatore.” Un’ottima gara anche per Elvis Borsoi, in coppia con Stefano Rossi sul Pajero T2 RalliArt, che già lo scorso anno aveva guadagnato il podio spagnolo ed ha replicato questo week-end conquistando la 3° posizione assoluta T2. L’equipaggio ha percorso più di 700 km di prove speciali divise in 4 settori ed il prologo, collezionando tempi eccellenti e ottenendo il 1° posto nel settore selettivo 2 sabato pomeriggio, fino a tagliare il traguardo sul terzo gradino del podio, nonostante alcuni problemi elettronici alla vettura.
Quinta posizione assoluta T2 per Lucio e Carmine Salvi, i quali hanno risalito la classifica prova dopo prova con un andamento lineare e costante fino alla fine, che li ha premiati con un risultato importante in ambito mondiale. Peccato invece per il pilota brasiliano Marco de Moraes, navigato da Eduardo du Sachs, che è arrivato in Spagna dopo la vittoria all’Italian Baja e gli ottimi risultati ottenuti ad Abu Dhabi ed in Qatar, alla conquista del Titolo Mondiale. Moraes ha iniziato la competizione con il 2° posto nel prologo di venerdì ed ha portato avanti la prima prova di 157 km con un buon passo gara, fino a quando, a soli 20 km dalla fine del tratto cronometrato, ha battuto la vettura a causa di un salto danneggiandola in maniera irreparabile ed è stato quindi costretto ad abbandonare la gara. “Stavamo facendo una buona prestazione, anche se il tracciato era pieno di sassi e discese tortuose – ha dichiarato Marco de Moraes Dopo aver superato un T1 e aver recuperato diverse posizioni, siamo arrivati in un tratto stretto e pieno di polvere. Non è stato possibile evitare il salto nel quale abbiamo sbattuto. Dopo aver valutato il danno abbiamo capito con il team che non potevamo continuare la gara. Siamo pronti adesso per la prossima sfida in cui ci rifaremo sicuramente.“
Simile sorte per l’equipaggio RalliArt formato da Alessandro e Paolo Trivini, costretti al ritiro a causa di una rottura nel Settore Selettivo 3 di domenica, dopo aver collezionato buoni risultati, tra cui il 2° tempo nell’SS1. La Baja Espana-Aragon si è dimostrata ancora una volta una gara difficile, costituita da elevate temperature, sentieri tortuosi, ghiaia e alta velocità, ed il team RalliArt anche quest’anno ha saputo gestire la competizione nel migliore dei modi, dominando la classifica finale e guadagnando punti preziosi per il titolo piloti e squadre. La prossima sfida sarà in terra ungherese, dal 15 al 18 agosto, per la 10° edizione dell’Hungarian Baja.

 

Tags

Related Articles

Lascia un commento

Close
Close